Escursione guidata sul Monte Palazzo Borghese (2.145m)

Da Foce di Montemonaco, ripercorrendo i passi del Guerrin Meschino, saliremo, attraversando gli splendidi boschi sovrastanti il borgo fino ad arrivare alle sponde del piccolo lago effimero al
cospetto dei bastioni di roccia calcarea del Sasso di Palazzo Borghese, che aggireremo, per arrivare alla cima, da dove potremo osservare il panorama sul versante Umbro dei Monti Sibillini, antica meta o partenza di viaggiatori, mercanti e negromanti che in passato frequentavano questi sentieri.

Escursione guidata sul Monte Argentella (2.200m)

Escursione sul versante occidentale della catena dei Monti Sibillini, con partenza da Castelluccio di Norcia ci dirigeremo verso la sella di Forca Viola per raggiungere la cima del Monte Argentella a 2200 metri, proseguendo poi, in direzione del Monte di Palazzo Borghese , percorreremo l’antico sentiero della “Strada Imperiale” completando un anello che si chiuderà sulle praterie in prossimità di Capanna Ghezzi per poi rientrare al luogo di partenza appagati dall’aver ammirato e vissuto uno stupendo ed affascinante paesaggio di alta montagna con vista dall’alto della fioritura sul Pian Grande sottostante.

ESCURSIONE GUIDATA AL LAGO DI PILATO DA FOCE DI MONTEMONACO (1.941m)

Gioiello custodito nel cuore del Parco Nazionale dei Sibillini, il lago di Pilato è l’unico lago naturale delle Marche situato a 1941 m , caratteristico anche per la sua forma ad “occhiale” nella fase di minore portata d’acqua. Di origine glaciale, ospita la specie endemica del Chirocefalo del Marchesoni, un piccolissimo crostaceo dal colore rosso che qui trova il suo habitat ideale per riprodursi ed è un luogo di straordinaria bellezza dove si respira l’aria antica legata alle leggende di queste acque misteriose circondate dall’imponenza del Monte Vettore e delle cime più alte della gruppo montuoso più a sud dei Monti Sibillini.

Escursione guidata con alba sul Monte Vettore (2.476m)

Vedere sorgere il sole dal mare Adriatico quando sei in cima al Monte Vettore a 2476 metri da un valore aggiunto alla classica imperdibile escursione sulla cima più alta delle Marche nel versante sud degli Appennini.  Da qui il panorama spazia dalla Piana di Castelluccio in Umbria, al Terminillo nel Lazio e ai vicini Monti della Laga con dietro  il Gran Sasso in Abruzzo. Dalla cresta osserveremo tutta la catena dei Monti sibillini e nel circo glaciale sotto di noi  il leggendario Lago di Pilato.