Il consenso informato

È il documento da voi sottoscritto attestante:

  • che siete stati informati dei rischi prevedibili e su tutti gli aspetti logistici organizzativi;

  • che sapete con chi andate;

  • che sapete cosa serve per svolgere l’attività e cosa vi verrà fornito dall’organizzatore;

  • che il vostro stato di salute vi consente di fare quell’attività, in quel giorno preciso;

  • che siete consapevoli che vi state affidando o affidate i vostri figli ad un professionista, iscritto ad un albo, soggetto ad obblighi di vigilanza e perizia.

È importante sapere che il consenso informato non è una liberatoria. È un documento necessario che ogni professionista deve assumere dal proprio cliente per la tutela di entrambi.

Diffidate delle liberatorie o manleve di responsabilità propinate dalle associazioni.